Le lucerne Romane

Come illuminavano le strade e le case gli antichi romani?

Per i romani non era facile illuminare le case e le strade quando scendeva la notte. I mezzi a disposizione erano fiaccole, lampade a olio (lucerne) e se non usate in gran numero potevano risultare insufficienti a vincere il buio.

In un mondo dove non esisteva l’energia elettrica, le lucerne erano gli oggetti più diffusi nelle casa, forse ancora di più delle nostre lampadine. Si potevano scorgere su piccole mensole, o sospese grazie a lampadari di metallo, oppure poggiate su supporti mobili.
Erano realizzate in tanti materiali, in pietra, in vetro, o in metallo (destinate sicuramente a una classe sociale più ricca), ma le più diffuse furono certamente quelle in terracotta (argilla cotta).

Ma come funzionava una lucerna?

La lucerna era un oggetto realizzato per contenere del combustibile; è noto l’uso dell’olio di oliva, ma è presumibile l’utilizzazione di altri olii, ad esempio di noce, di sesamo, di ricino o di pesce e probabilmente di olii minerali, già conosciuti nel periodo antico, e di grassi animali. La fiamma si teneva accesa grazie a uno stoppino realizzato in vari materiali fibrosi che potevano assorbire il combustibile e condurlo sino alla fiamma che lo bruciava.

Come si fabbricava una lucerna?

Il materiale principale era l’argilla che veniva lavorata e plasmata per dare le forme più funzionali e più originali alle lucerne.
Le forme più antiche sono aperte, come fossero delle ciotole, il cui orlo è variamente deformato: nelle più antiche sono presenti delle leggere depressioni dove si appoggiava lo stoppino o con una o più parti schiacciate (pizzicate) sino a formare il beccuccio per alloggiare lo stoppino.

Poi la forma della lucerna ebbe un’evoluzione e si diffusero quelle a forma chiusa. Realizzate grazie a una matrice che permetteva di unire la parte inferiore e quella superiore della lucerna lasciando un piccolo vuoto all’interno, come un piccolo serbatoio, per il combustibile.

Nel nostro laboratorio dedicato proprio a questi manufatti saranno realizzati i due tipi di lucerne dai vostri bambini e scoprirete insieme a noi tanti altri segreti sull’illuminazione in età romana! Vi aspettiamo!!

Contenuto non disponibile.
Permetti l'uso dei cookies cliccando sul banner più in basso

Vieni a costruire una lucerna romana

Partecipa al laboratorio didattico. Imparerai a costruire con le tue mani una vera e propria lucerna in argilla.

 

Ti potrebbe interessare:

 

Costruiamo una lucerna romana

Domenica 10 Novembre
Ai tempi degli antichi romani quando il sole tramontava calava un buio incredibile. Come facevano senza elettricità a illuminare la notte?

read more

Lo scavo archeologico

Sabato 23 novembre
Con cazzuole e palette, i partecipanti impareranno a riconoscere gli strati e i reperti riportando alla luce i resti di una villa romana.

read more

La cucina degli antichi romani

Domenica 27 ottobre
Laboratorio didattico.
Si parla di cucina romana al Museo, ma quella antica!Gli archeologi racconteranno le usanze a tavola, l’organizzazione dei pasti e famose ricette.Ciascuno si divertirà a sperimentare la preparazione di un piatto tratto dall’antico ricettario “De re coquinaria” attribuito a Marco Gavio Apicio, gastronomo, cuoco e scrittore vissuto nel I secolo.

read more

I primi vasai

Domenica 29 settembre
Attività: realizzazione di un vasetto.
Materia prima: argilla.
Destinatari: bambini dai 5 anni in su
Durata: 2 ore circa
Numero partecipanti: min. 12 – max. 20

read more

Il mosaico romano

Domenica 22 settembre
Come veniva realizzato un mosaico nell’antica Roma? Di che materiale erano fatte le tessere? Come venivano tagliate e attaccate? In quali tipi di abitazioni veniva utilizzato e quali immagini vi erano rappresentate?

read more
Share This

Il sito del Museo APR utilizza i cookie.
Perché? In breve, per 3 motivi:
1. Migliorare l'esperienza di navigazione;
2. Permettere la condivisione e i like sui social media;
3. Capire come gli utenti navigano il sito in modo poi, da migliorarlo.

Se sei d'accordo clicca su "Ok, acconsento". Grazie.
Per saperne di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close